• caracatanzaro

Trasferire alla caserma Triggiani la facoltà di Giurisprudenza

E' la proposta dell'associazione Cara Catanzaro: a breve sarà abbandonata dai Carabinieri 

Negli ultimi giorni – scrive in una nota l’associazione culturale Cara Catanzaro - sembrano essere finalmente venuti alla luce, ed era ora, i limiti e i danni causati dalla scellerata scelta di allocare nella campagna di località Germaneto il campus universitario, e soprattutto il suo polo socio giuridico. Ora sembrano tutti insoddisfatti. Leggiamo di scarsi collegamenti; leggiamo di residenze universitarie addirittura rifiutate dagli aventi diritto per la loro allocazione triste e fuori dal mondo.

Centro svuotato Sono anni – prosegue Claudio Pileggi presidente di Cara Catanzaro - che noi andiamo dicendo queste cose. E’ stato svuotato scelleratamente il centro città, innescando la crisi che si sta vivendo, per costruire nel nulla. Certo, ne avrà giovato il quartiere marinaro, ma in modo disordinato e che crea non pochi problemi di ordine pubblico, ma ci ha perso il resto della città, e soprattutto il suo nucleo più bello e prestigioso: il centro storico. E’ ora quindi di ripensare il tutto, perché bisogna avere il coraggio di rimediare agli errori, ed è sicuramente possibile farlo. Da tempo andiamo dicendo che Giurisprudenza deve tornare in centro, accanto ai Tribunali e gli studi legali, anzi che stare accanto al Policlinico…che c’azzecca?  

Caserma Triggiani Il nuovo Rettore De Sarro, - si legge più avanti-  al quale vanno i nostri migliori auguri per la prestigiosa nomina, deve quindi lavorare in questa prospettiva, e insieme a lui l’amministrazione comunale. Il punto è chiaro: se verranno offerti all’università idonei locali in centro, la stessa non avrebbe difficoltà a riportarvi la facoltà di Giurisprudenza, e magari anche altri nuovi corsi di studio.  E i contenitori non mancano di certo. Uno su tutti: la Caserma Triggiani, che a breve verrà abbandonata dai Carabinieri, i quali manterranno solo un piccolo presidio.

Fondi alla Regione E’ allora- continua l’associazione-  si richiedano alla Regione i fondi per il suo adeguamento, oppure si contragga un mutuo per farlo. Ne và del futuro della città, e sarebbe un investimento che in pochissimi anni ripagherebbe mille volte i sacrifici necessari. Ma la immaginate Giurisprudenza al posto della Caserma? Con l’adiacente Villa Margherita diverrebbe un affascinante campus stile inglese, con biblioteca e museo affollati di studenti, oltre che i meravigliosi e ultracentenari viottoli del nostro giardino più antico. Rivolgiamo quindi un ulteriore appello a Sindaco e Rettore, nonché ai presidenti di Provincia e Regione: parliamone, ma seriamente.


0 visualizzazioni
  • Facebook App Icon