• caracatanzaro

Università a San Giovanni, Cara Catanzaro: polemiche banali e inconsistenti

Il centro cittadino ben potrà offrire ogni risposta ai bisogni di studenti, docenti e personale amministrativo 

Da appena pochi giorni l’amministrazione comunale - ricorda l'associazione culturale Cara Catanzaro- ha varato l’importante delibera connessa all’utilizzazione (di parte) del complesso monumentale del S. Giovanni per l’alta formazione e già si levano voci ed echi di contrasto alla fondamentale iniziativa con poco velate proteste e critiche  sollevate da qualcuno.

Ad alimentare gratuita disapprovazione sono parte (per la verità minoritaria) degli studenti universitari che, a dire il vero, mal celano i loro reali interessi. Il gruppo infatti si erge a censore di una scelta che viceversa farà bene a tutti, indicando nella presunta assenza di programmazione, di progettazione e di offerta di servizi le deboli ragioni del dissenso.

Ovviamente viene da chiedersi dove fossero i loro gruppi organizzati quando si decise si spostare nel deserto l’UMG o quale pressione sinora abbiano avviato per spostare dalla spiaggia la facoltà di farmacia… Ora che finalmente si cerca di porre qualche correzione ai macroscopici errori del passato, si scopre che Catanzaro non ha una pianificazione…

La realtà, è che il centro cittadino ben potrà offrire ogni risposta ai bisogni di studenti, docenti e personale amministrativo e certo le iniziative di spostamento in centro di ampie aree della formazione imporrà all’Amministrazione comunale, purtroppo mai molto attenta ai problemi della città, di assumere una nuova consapevolezza che la obbligherà a migliorare sensibilmente la qualità e la quantità dei servizi che offre.

Catanzaro tutta è in grado di rispondere. Con buona pace dei detrattori e di chi seguita a coltivare uno iato tra centro e marina, alimentando uno stucchevole e controproducente campanilismo di quartiere che àncora questa città nella più profonda cultura del provincialismo. Quali sono questi servizi che la stessa amministrazione riesce a garantire a Lido e non in Centro? Se la città non è attraente ed è poco organizzata lo è così dalla presila al mare. Sarà forse lo svago l’ago della bilancia del nostro studio universitario? Marina si perché oggi “tira” ed il Centro storico no perché ha pochi pub aperti? Lasciateci dubitare.

Il collegamento al quartiere marinaro non è casuale. Cari studenti -lo siamo stati anche noi- la movida è ovunque la si voglia portare e la qualità della vita di un universitario si misura con diversi indicatori che solo un’offesa potrebbe limitare alla notte. Perché e questo che si evince dalle vostre parole ed è quello di cui date percezione. Catanzaro è invece unica e indivisibile… il suo centro storico saprà convincere grazie ai volenterosi operatori economici ed ai proprietari di casa che non mancheranno di cogliere le opportunità che la vostra presenza offrirà, ma grazie anche ad una amministrazione comunale che, indipendentemente dal colore politico, siamo certi saprà dare le risposte che attendente garantendo servizi, accoglienza ed organizzazione.

Aiutiamoci vicendevolmente a coltivare un reale coordinamento tra studio universitario e realtà professionali sul territorio. Costruiamo tutti insieme un programma che potenzi Germaneto e le sue facoltà scientifiche in ragione della vicinanza del Policlinico universitario e che aggreghi le facoltà giuridiche, economiche ed umanistiche ai numerosissimi uffici giudiziari, uffici economici e studi professionali del Centro storico. Presto scoprirete il fascino di studiare tra le mura di edifici millenari che hanno fatto la storia di questa terra, anziché tra quattro pareti in cartongesso, tristi ed anonime. In bocca al lupo a voi e alla nostra cara…Catanzaro. 


0 visualizzazioni
  • Facebook App Icon